Anthurium

L’Anthurium esige luminosità intensa ma indiretta, evitare l’esposizione ai raggi solari, le correnti d’aria e gli ambienti troppo secchi. Gli Anthurium necessitano di una temperatura intorno ai 20°C, non scendere sotto i 10°C. Si possono coltivare o mantenere anche a temperature inferiori, ma crescono e fioriscono poco. Le esigenze non cambiano durante il periodo vegetativo. Per favorire una fioritura migliore l’anno successivo, è necessario esporla ad un “periodo freddo”, cinque settimane di temperatura minima intorno ai 12°C. durante il corso della notte. Sono piante semi epifite e richiedono, perciò, un substrato organico molto grossolano. Si consiglia di creare un mix di torba, letame sfatto, sfagno con l’aggiunta di due parti di terriccio di bosco organico e foglie di faggio. Uno strato di muschio, sistemato sulla superficie, aiuta a mantenere elevato il grado di umidità; le radici superficiali infatti, necessitano molta umidità. Infine, garantire sempre un drenaggio ottimale. Le annaffiature devono essere abbondanti e regolari. Si consiglia di lasciare un po’ d’acqua nel sottovaso, al fine di garantire l’umidità del terreno. In estate si dovrebbe intervenire circa 3 volte alla settimana per poi diminuire gradualamente con l’abbassamento della temperatura. Se il caldo è secconebulizzare dell’acqua priva di coloro sul fogliame, quando la pianta è priva di fiori.

Circa ogni due anni va rinvasato, utilizzando un terriccio ricco di torba e dopo aver cosparso il fondo del vaso con ciottoli o argilla espansa per garantire un miglior drenaggio idrico. Per incrementare la fioritura eliminare subito i fiori appassiti.
L’anthurium è particolarmente sensibile alle correnti d’aria, che causano ingiallimento delle foglie; talvolta viene colpito da infezioni fungine o attaccato da afidi. Le cure opportune, in particolare per quanto riguarda le annaffiature, possono prevenire marciumi radicali dovuti ai ristagni idrici. Se notate delle macchie scure sulle foglie, siete in presenza di un attacco di crittogame, per combattere questi parasisti usate un prodotto anticrittogamico e asportate la foglia colpita. se notate delle macchie bianche e cotonose sulle foglie, siete in presenza di un attacco di cocciniglie. Mantenere costante l’umidità ed annaffiare molto frequentemente.
Il mio Anthurium mi è stato regalato  per Capodanno e spero che mi dia soddisfazioni.
Francesco Diliddo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: