Euphorbia stellata salvata

Mi è stata regalata a febbraio e quando l’ho rinvasata a marzo (esemplare di circa 10 anni) mi sembrava rischioso liberare le radici nude, dalla schifosa torba che usano nei garden.
A maggio l’ho portata sul balcone in esterno ma non ho visto grandi cambiamenti. Due settimane fa l’ho vista sofferente così l’ho fotografata e mostrata al gruppo “Cactofili” di facebook e abbiamo scoperto che forse soffriva di marciume radicale. Subito l’ho tolta dalla torba soffocante e trovato il caudex (tipo spugna secca) privo di radici tutte marce, e l’ho messo ad asciugare per due giorni. Il caldo assurdo di questi giorni ha agevolato l’asciugatura e incredibilmente le foglie si sono riaperte ed oggi l’ho ripiantato nel terriccio adatto così composto: 50% lapillo vulcanico rosso, 40% pomice, 10% terra da giardino professionale.
Ecco le foto e incrocio le dita! L’esperienza insegna di liberare sempre le radici delle succulente dalla torba e utilizzare il composto adatto a loro.

Saluti, Francesco Diliddo

stellatastellata ripresa

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by lagiraffa on 21 luglio 2015 at 15:35

    Che bello, sembra rinata.

    Rispondi

  2. incrociamo le dita!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: