Trichocereus schickendantzii salvataggio

trichocereus talea

Nell’autunno 2013 arriva dalla Puglia, regalo di mia mamma, il trichocereus che viveva nella casa in campagna, in un vaso da vivaio in plastica, talea fatta da mio padre con la terra di campo (argillosa), ed era in ottima salute. Poverino non ha mai accettato il trasferimento! trichocereus pianta
Nella primavera 2015 l’ho rinvasato col composto per cactacee e in estate mi ha regalato uno spettacolo incredibile (il fiore aveva un diametro di 20 cm).
A fine estate ha cominciato a deperire (marciume) e così drasticamente l’ho tagliato, fatto asciugare tre giorni e ripiantato.
Dopo il trasloco sembrava tutto ok e non l’ho annaffiuato per 4 mesi. Due giorni fa ho trovato la talea radicata, ma di nuovo con marciume e ci risiamo. trichocereus fiore
Ho chiesto consiglio agli amici del gruppo “Cactofili” di facebook e mi hanno detto di cospargere la ferita con cannella, disinfettante naturale, e lasciare asciugare per tre settimane.
Ripianterò la talea ad aprile e ci aggiorniamo.

Buona giornata, Francesco Diliddo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: