Pelargonium graveolens

Finalmente in fiore! Sul balcone, della nuova casa, ho trovato cinque grandi esemplari che ho risistemato e concimato, ora sono dei bellissimi cespugli verdi pieni di fiori profumati. Vivendo sul fiume Arno sono un ottimo repellente naturale per le zanzare e ho scoperto la delicatissima profumazione dei fiori alla rosa. Ecco le foto e alcuni consigli per una pianta molto rustica e resistenze, tipica del balcone italiano. Saluti, Francesco Diliddo

pelargonium graveolens fiore

pelargonium graveolens

Pelargonium graveolens 3

Il pelargonium graveolens è una pianta ramificata a portamento espanso un po’ ricadente. Presenta foglie palmate, lobate dentate, ruvide sulla parte superiore di colore verde chiaro, che emanano un odore caratteristico, se sfregate. La fioritura del geranio avviene nella stagione primaverile, da giugno a ottobre. Una delle caratteristiche che contraddistingue questa specie dalle altre è la sua particolare profumazione di rosa che emanano i suoi fiori nella stagione di fioritura.
Questa pianta vegeta su terreno acido privo di calcare, si usa comunemente terriccio di bosco misto a sabbia e argilla. Le concimazioni avvengono utilizzando fertilizzante liquido da somministrare da aprile a settembre ogni due settimane. Ama infatti le posizioni soleggiate e le temperature miti.  Il Pelargonium graveolens necessita di irrigazioni abbondanti in estate, soprattutto sulle piante esposte al sole. Durante la stagione più fredda invece è bene ridurre le annaffiature in quanto la pianta non deve disporre di un terreno troppo umido per evitare problematiche quali marciume e conseguente morte
delle stessa. Il pelargonium cresce bene in terrazza a temperatura ambiente da aprile ad ottobre e nei luoghi dai climi freddi andrebbe protetta in inverno.

Annunci

5 responses to this post.

  1. di talea in talea, ho molti vasi di pelargonium graveolens, anche in funzione antizanzare. Ma molti cespi mi
    sono nati in terra, crescono rigogliosi ed hanno superato senza problemi gli ultimi inverni (non troppo freddi qui sulla costa livornese!)

    Rispondi

  2. […] profuma alla nocciola e l’altra al limone. Per le cure e i miei consigli rimando all’articolo precedente. Buon fine settimana, Francesco […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: