Echeveria pulvinata ruby blush

Piccola talea presa l’estate scorsa dal balcone pugliese di mia mamma! Le avevo regalato la pianta “madre” la primavera precedente, ed è cresciuta tantissimo in pochi mesi. Eccola colorita dal freddo invernale e di seguito alcuni consigli sulle cure, allego una foto presa dalla rete con i piccoli fiori arancioni.
Saluti, Francesco Diliddo

cof

Le temperature estive ottimali di coltivazione oscillano tra i 15-21°C ma tollerano anche temperature superiori. Le temperature invernali è preferibile che non scendano sotto i 7°C. Se le temperature scendono intorno a questi valori, spostatela in un luogo più caldo e luminoso. Sono piante che amano l’aria per cui date loro aria fresca soprattutto d’estate sistemandole vicino ad una finestra aperta. echeveria-pulvinata-fiori
Durante il periodo autunno-invernale le irrigazioni vanno sensibilmente ridotte e se le temperature si abbassano, diminuirle sempre di più. La pianta di echeveria come tutte le piante, ha necessità di essere rinvasata periodicamente, in primavera, se le radici hanno occupato tutto lo spazio a loro disposizione. Per il rinvaso utilizzate una composta specifica per cactaceae alla quale unite sabbia grossolana o perlite nella misura di 2:1 (2 parti di composta per 1 parte di sabbia o perlite). Sistemare nel foro di drenaggio dei pezzi di coccio in modo che la terra o le radici non ostruiscano il foro di drenaggio in quando i ristagni idrici sono letali per questa pianta.

Annunci

3 responses to this post.

  1. Posted by Silvia on 19 aprile 2017 at 15:24

    ciao,
    ho questa pianta da anni e sembra che stia sempre per morire. L’ho comprata meravigliosa, piena di fiori, pian piano hanno cominciato a morire tutti i rami e ne sono rimasti due, che arrancano. inutile dire che non ha mai più fatto fiori. ho provato di tutto: l’ho tenuta in casa, sulle scale, all’esterno, al sole diretto, all’ombra, al gelo… sempre uguale, sempre viva ma sofferente. non ha segni di parassiti. cosa posso fare?
    grazie

    Rispondi

  2. Prova il terriccio per cactacee ed evita di spostarla… ne soffre…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: