Il riposo invernale delle succulente

E’ stato un autunno molto mite, ma ora con l’abbassamento delle temperature è arrivato il momento di trasferire le piante più delicate in casa. Sono piante succulente, cactacee e anche semplicemente originarie dei paesi caldi (come le plumerie) che non sopravvivono alle basse temperature. Ho la fortuna di avere un grande pianerottolo molto luminoso e riscaldato, dove posso riparare queste piante fino alla prossima primavera. Anche le euphorbie le trasferisco all’interno, alcune in casa ed altre sul pianerottolo.
Ci sono alcune varietà di cactacee che possono rimanere in esterno (echinopsis, echinocereus, sulcorebutia), ma bisogna garantire il terriccio asciutto, così le sistemo nella serra. Questo è possibile perchè vivo a Pisa, dove il clima è comunque mite ma piove molto e si rischia il marciume dei cactus. Praticamente il nostro autunno/inverno deve ricreare la stagione secca dei loro paesi d’origine, dove non piove per mesi!
Ecco alcune foto delle sistemazioni dopo il “trasloco”, ormai il balcone è mezzo vuoto.
Buona giornata, Francesco Diliddo

IMG_20181020_143457.jpg

IMG_20181020_144154.jpg

IMG_20181020_095114.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: