Kalanchoe blossfeldiana

La Calancola è il primo genere di questa specie arrivato in Italia e sinceramente l’ho sempre snobbata per essere davvero comunissima, ma oggi ci sono degli ibridi dai fiori fantastici, alcuni dei quali sembrano delle piccolissime rose. Questa pianta è un regalo della mia collega Maria Teresa e subito si è ambientata sul balcone dopo che l’ho spostata: inizialmente l’avevo esposta a sud (sbagliando) poi l’ho posizionata sull’altro balcone ed ora è in fiore.
Condivido le foto della fioritura e alcuni consigli per le cure. Buona giornata, Francesco Diliddo

Curiosità e consigli per le cure della Kalanchoe blossfeldiana.

È una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, endemica del Madagascar che prende il nome dal tedesco Blossfeld che la introdusse nel 1932.
Produce molte foglie tondeggianti e richiede una coltivazione lontana dal sole diretto. Ne esistono innumerevoli ibridi dalle caratteristiche molto varie, che possono crescere molto più della pianta originale e che producono fiori di svariate sfumature. Le Calancole sono piante succulente che sopportano molto bene la siccità e per questo motivo sono perfettamente adattate alla vita in appartamento, dove l’aria è secca; non necessitando di grandi annaffiature, sono perfette anche per chi non ha troppo tempo per curare le piante in casa, o per chi tende a dimenticarsi annaffiature e concimazioni (insomma è consigliata per i pollici neri!).
Queste piante cominciano a fiorire soltanto dopo aver passato un buon periodo in una zona caratterizzata da poche ore di luce al giorno e questa caratteristica permette ai vivaisti di far fiorire le Kalanchoe blossfeldiana in qualsiasi periodo dell’anno. Bisogna anche dire che questa pratica tende ad accorciare però la vita delle piante, ma la facile reperibilità di piante in fiore di questo genere, fa in modo che la gran parte delle Kalanchoe venga coltivata come un’annuale. Sono piante sono di facile coltivazione, in quanto hanno pochissime necessità e sopportano molto bene la siccità o le carenze nutrizionali: se desideriamo far sopravvivere la nostra kalanchoe negli anni e desideriamo anche che rifiorisca, è opportuno coltivarla al meglio. Le piante coltivate in giardino andranno spostate al riparo dal freddo verso la fine dell’autunno, in quando non tollerano una temperature inferiore ai 5° C.
Uno dei fenomeni più frequenti che si osservano nelle kalancole è il rinsecchimento fogliare: le foglie diventano molli e si seccano a macchie. Questi fenomeni si verificano quando il terreno resta umido per troppo tempo a causa di una quantità d’acqua eccessiva o comunque non adatta alla temperatura.
Quindi si consiglia di sospendere l’irrigazione delle piante e aspettare che il terreno si asciughi. Una delle malattie più frequenti sulle calancole, quando queste vengono coltivate in un ambiente caldo, umido e con scarsa ventilazione è la cocciniglia. Questi parassiti si attaccano alle foglie e se presenti in piccole quantità, su un numero limitato di piante, possono anche essere rimossi meccanicamente dalle foglie. In alternativa quando si hanno tante piantine da trattare si possono utilizzare prodotti a base di olio minerale.
Fondamentale è annaffiare queste piante solo quando il terreno è ben asciutto, seguendo la regola che è meglio una volta di meno piuttosto che una volta di troppo; quindi, controlliamo con le dita il substrato, se è secco annaffiamo, se è umido, rimandiamo l’annaffiatura. Questo può voler dire che in inverno annaffieremo una volta a settimana, o anche meno, mentre in luglio annaffieremo due o tre volte a settimana.
Da aprile a settembre aggiungiamo all’acqua delle annaffiature del concime per piante succulente, ricco in potassio e povero in azoto e dopo la fioritura si taglia il fusto che portava l’infiorescenza, e se necessario rinvasiamo la nostra pianta, utilizzando un terriccio molto ben drenato, costituito da terriccio universale mescolato con pietra pomice o lapillo, per aumentarne il drenaggio.

4 Replies to “Kalanchoe blossfeldiana”

  1. Ne ho due, quella a fiori bianchi è bellissima, quella con i fiori rosa un pò meno…ho pensato che non gradisce la pianata che gli ho messo accanto…tornerò al vecchio ordine 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: