Archive for the ‘Viaggiando: balconi e giardini’ Category

Bali e isole Gili agosto 2017

Una vacanza indimenticabile, la scoperta della bellissima Indonesia con una grande varietà di colori, profumi, sapori per la gioia di tutti i sensi!
Il simbolo di Bali è il frangipane, uno dei miei fiori preferiti col suo profumo misto agli incensi bruciati, sugli altarini induisti domestici. Ho visto esemplari grandi come alberi piantati presso i templi indu, una vera e propria pianta sacra presente ovunque, ho anche osservato una varietà a fiori doppi, ma erano troppi alti per fotografarli! Le nostre piante d’appartamento crescono tranquillamente sotto il sole equatoriale, bellissime con foglie lucide e carnose.
Fiori coloratissimi mai visti, ho guardato dal vivo le piante del caffé, del thé, gli alberi che producono le bacche di cacao, (il cioccolato indonesiano è buonissimo) banani, palme da cocco e soprattutto risaie a perdita d’occhio ovunque. Nei vasi dei giardini privati ci sono adenium e ninfee, euphobie mili usate per le aiuole e poi, una grande emozione quando ho visto in un giardino la pianta dell’heliconia. Per caso girando durante le escursioni ho trovato una strada piena di garden, inimmaginabile, e ho pensato che sarebbe un sogno trasferirmi lì ed avere il garden con le mie piante preferite! A Bali ci ho lasciato un pò del mio cuore. Buona visione delle mie fotografie, Francesco Diliddo

Annunci

Paesi visitati in giro per il mondo

Ho trovato questo sito fantastico dove è possibile creare la mappa dei paesi visitati! Ogni viaggio che faccio è un’occasione per fotografare piante e fiori per poi mostrarvi le foto. Buona domenica, Francesco Diliddo

Ibiza e Formentera luglio 2017

Sono stato cinque giorni nelle due isole delle Baleari in Spagna e mi sono letteralmente innamorato di Formentera! Ibiza è perfetta per la vita notturna, (ma offre tantissimo per tutte le tipologie di viaggiatori) col centro storico di Eivissa, molto curato e angoli verdi particolari agli occhi degli appassionati di giardinaggio. Ho potuto trovare una specie di agave mai vista da nessuna altra parte (non sono riuscito a fotografarla), poi ci sono nei giardini euphorbie (tra cui uno spettacolare esemplare di e. tirucalli), boungaville, crassulacee, hilocereus, aloe, mesembriantemo, kalanchoe e tante altre. Le palme sono quelle africane (phoenix dactylifera) resistenti al punteruolo rosso. Vi mostro alcune foto e buon fine settimana, Francesco Diliddo

dav

cofdavdavsdr

Orto botanico di Pisa, giugno 2017

Avere l’orto botanico nella propria città è un privilegio e durante i miei viaggi mi piace visitare gli altri parchi in giro per l’Italia! In occasione della visita in città di due care amiche di Genova ci siamo recati all’Orto e museo botanico di Pisa,  per sfuggire al caldo incredibile della città. L’ultima volta che ci sono andato, è stato due anni fa, ed è molto cambiato e migliorato e questo mi rende felice.
Ci sono le nuove serre tropicali ed è in ristrutturazione la grande serra con le cactacee e le euphorbie. Ho anche molto apprezzato il piccolo museo allestito (con gran gusto museologico) all’interno del parco. La visita all’orto botanico è un viaggio bellissimo per vedere le piante che crescono in tutto il mondo con alberi maestosi, un’occasione culturale per conoscere piante meno comuni. Mi ha incuriosito molto l’albero del corallo (Erythrina crista-galli) e la collezione di ortensie. Ho apprezzato molto alla libreria, la vendita di piante e semi con le schede tecniche per le cure. Vi mostro alcune fotografie e buona domenica, Francesco Diliddo

cofcofsdrsdrsdr

Il giardino pugliese

Sin da adolescente ho avuto la passione per il giardinaggio. Avevo 15 anni quando cominciai a creare aiuole nel giardino della nostra casa in campagna, in Contrada Marrella, vicino Borgo Tressanti nell’agro di Cerignola (il terzo in Italia per estensione). Nella casa, costruita negli anni ’50, ha vissuto la famiglia di mio padre per circa vent’anni. Siamo tutti molto legati a quest’abitazione, la chiamiamo con affetto la “casetta”, ma in realtà è molto grande in quanto ci abitavano nove persone. Durante la mia infanzia, nei mesi estivi ci trasferivamo lì a vivere ed ho moltissimi ricordi indimenticabili!
Ritornando ad oggi, quando si avvicinano le vacanze pasquali, per me è l’occasione perfetta per tornare in Puglia e sistemare “la casetta”, dopo l’inverno, per il grande pranzo di famiglia di Pasquetta ed io mi occupo principalmente di ripulire la aiuole. Ci sono piante che hanno oltre vent’anni: le ho piantate durante la mia adolescenza… Tra le tante c’è la yucca gigante e le aiuole con le cactacee che sono sopravvisute a 30 cm di neve (lo scorso rigido inverno) e sono piantate in piena terra. Ci sono i mandorli piantati da mio nonno Francesco oltre 60 anni fa e l’antico pozzo, che forniva l’acqua all’abitazione con moltissimi cactus in vaso.
Vi mostro alcune fotografie, anche col confronto prima e dopo. Saluti dalla Puglia, Francesco Diliddo

hdr

hdr

hdr

PicsArt_04-15-05.28.15PicsArt_04-15-05.24.18

Aruba gennaio 2017

Una vacanza indimenticabile ad Aruba (isola al nord del Venezuela nel mar dei Caraibi) dal 28 dicembre 2016 al 4 gennaio 2017!
Il clima ha una media annua di 25/26 gradi e ci crescono benissimo le mie piante preferite, le succulente, le cactacee, adenium, plumeria, ibiscus, e moltissime altre. L’albero tipico dell’isola è il divi divi che adegua la sua chioma al vento e cresce anche in riva al mare: i venti alisei rinfrescano il caldissimo sole caraibico. Ho fotografato tantissimi cactus in habitat, melocactus ovunque e sull’isola si coltiva l’aloe. Nella bellissima spiaggia di Savaneta ho potuto fotografare le mangrovie e un fiore tipico in tutti i giardini dell’isola e la plumeria pudica dal fiore bianco (di cui ho portato una talea: incrociamo le dita!). Ho trovato anche una varietà antica di ibiscus molto resistente alle malattie rispetto ai nuovi ibribi poco resistenti.
Eccovi le foto e Buon anno 2017. Francesco Diliddo

dav

sdr

cof

edf

dav

hdr

IMG_20161230_134323.jpg

dav

 

Mura di Pisa dicembre 2016

Questo fine settimana è possibile visitare il camminamento in quota delle Mura di Pisa (costruzione iniziata nel 1154 e terminata nel 1284) con la riapertura di un tratto recentemente recuperato. Ho scoperto che l’accesso al nuovo tratto è proprio sotto casa e non sapevo ci fosse, nascosto tra le case!
Ho percorso le mura per oltre 3 km fino ad arrivare alla famosissima piazza del Duomo, scoprendo angoli incredibili della città con giardini privati incantevoli. Volevo mostrare alcune foto scattate questa mattina. Buon fine settimana Francesco Diliddo

sdr

dig

cof

sdr