Ultimo Articolo inserito
Subscribe Newsletter
Il pianerottolo di casa con le piante succulente e i cactus delle zone calde.

E’ stato un autunno molto mite, ma ora con l’abbassamento delle temperature è arrivato il momento di trasferire le piante più delicate in casa. Sono piante succulente, cactacee e anche semplicemente originarie dei paesi caldi (come le plumerie) che non sopravvivono alle basse temperature. Ho la fortuna di avere un grande pianerottolo molto luminoso e riscaldato, dove posso riparare queste piante fino alla prossima primavera. Anche le euphorbie le trasferisco all’interno, alcune in casa ed altre sul pianerottolo.
Ci sono alcune varietà di cactacee che possono rimanere in esterno (echinopsis, echinocereus, sulcorebutia), ma bisogna garantire il terriccio asciutto, così le sistemo nella serra. Questo è possibile perchè vivo a Pisa, dove il clima è comunque mite ma piove molto e si rischia il marciume dei cactus. Praticamente il nostro autunno/inverno deve ricreare la stagione secca dei loro paesi d’origine, dove non piove per mesi!
Ecco alcune foto delle sistemazioni dopo il “trasloco”, ormai il balcone è mezzo vuoto.
Buona giornata, Francesco Diliddo

 

 

 

Agave attenuata e plumeria.
Le cactacee più resistenti restano sul balcone nella serra “fredda” protetti dalla pioggia e il maltempo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue