Posts Tagged ‘2015’

Euphorbia mili in fiore

Me ne sono accorto quasi per caso e che sorpresa! L’e. mili ha superato con successo il trasloco ed è in fiore a Natale! Praticamente non ha mai smesso: la tengo sul balcone da aprile ad ottobre e poi sul pianerottolo nel periodo invernale. Pochissima acqua in inverno e fortunatamente al mattino batte sulle finestre un bel sole filtrato dai vetri bianchi, quindi una posizione ottimale. Buon inizio settimana, Francesco Diliddo

euphorbia mili

Annunci

Decorazioni natalizie

Mi piace decorare l’ingresso di casa con rami di abete e piccoli accessori che riuso ogni anno.
Di solito mi procuravo le bacche della nandina, ma quest’anno le ho lasciate sul mio esemplare, una piccola idea
da realizzare in pochi minuti: ecco il risultato. Saluti, Francesco Diliddo

natale

Cavolfiori e broccoli sul balcone

L’esperimento di mio fratello agronomo in Puglia è riuscito! Coltivare le verdure invernali sul balcone nei vasi è possibile… Questi sono cavolfiori,  broccoli e cavoli piantati ad agosto, il prossimo anno farò l’esperimento a Pisa e vedremo i risultati. Saluti, Francesco Diliddo

orto balcone

cavolfiore

Puglia novembre 2015

Sono arrivato nella mia Puglia ieri per un fine settimana in famiglia e ho fatto una passeggiata nei vigneti in Contrada Marrella, località Borgo Tressanti in provincia di Foggia. La nostra casa in campagna, dove vivevano i nonni tra gli anni ’50 e ’60, col successivo trasferimento in città. Sono molto legato a quella casa e ho costruito aiuole quando ero adolescente. Ecco alcune foto scattate questa mattina: un “tratturo” in terra battuta con i vigneti e la casa, il nespolo in fiore e gli ulivi carichi di frutti! Buon fine settimana, Francesco Diliddoolivo novembre 2015

vigneti diliddo

nespolo fiorito

Messico fotografie 2008

Indimenticabile viaggio di due settimane a Playa del Carmen in Messico, nel settembre 2008. Ero circondato da una natura incredibile con una particolare varietà di piante e fiori. Vi mostro alcune foto a tema piante e natura.

Buona visione, Francesco Diliddo

IMG_0131

IMG_0013

IMG_0243

IMG_0250

IMG_0290

IMG_0414

Budapest ottobre 2015

Sono appena rientrato da questa incredibile capitale europea che mi ha stupito per molti aspetti! I bellissimi palazzi art noveau (che adoro), i giardini e le aiuole pubbliche curatissime e fiorite! I parchi alberati, il giardino giapponese sull’Isola Margherita (nel mezzo al Danubio), il giardino delle rose. Nonostante un clima tremendo in inverno, c’è molto verde ovunque. Ecco alcune mie foto scattate in questi giorni. Buona visione, Francesco Diliddo

Budapest, Ottobre 2015

DSC_0866DSC_0932Budapest, Ottobre 2015DSC_0942

Tephrocactus geometricus

Finalmente l’ho trovato e me lo ha regalato mia sorella Rita! Il produttore è siciliano e ho potuto conoscerlo a Lucca in occasionedi Murabilia. Per il rinvaso aspetterò la primavera, di seguito la foto del mio esemplare, di uno in fiore e alcuni consigli dalla rete. Buon fine settimana, Francesco Diliddo

DSC_0559

Originaria dell’Argentina cresce ad un’altitudine tra i 2200 e i 2900 metri sul livello del mare.
Cresce esposto al sole caldo in un habitat estremamente arido, tra rocce e ghiaia in terreni moderatamente argillosi, molto drenati e sabbiosi.
Il tephrocactus geometricus è una specie straordinaria che mostra un forte adattamento all’estremo habitat desertico.
Si tratta di una delle più vistose specie di “opuntia” ricercata dai cactofili per la forma geometrica, dai fiori favolosi di colore bianco o rosa chiaro che durano solo un giorno.
E’ molto sensibile agli eccessi di acqua, ma richiede annaffiature regolari durante la stagione di crescita.
Sviluppa fittoni radicali per questo richiede vasi profondi e preferisce un’esposizione in pieno sole, ma deve essere protetto da un eccessivo calore e sole in estate. Resiste alla basse temperature in inverno infatti deve essere tenuto in un luogo fresco, durante riposo invernale, questo è importante per la fioritura. Tephrocactus_geometricus_fiorito
Importantissima è la sospensione delle annaffiature in inverno per evitare marciumi e preferisce luoghi ventilati.