Posts Tagged ‘crassula’

Crassula arborescens

La talea presa a Genova, cresceva nel vaso di un giardino ed ha arricchito la mia collezione di crassulaceae. La foto di seguito e i consigli per le cure, pianta facilissima e resistente, infatti potete dimenticare di annaffiarla.
Buon pomeriggio, Francesco Diliddo

cof

La crassula arborescens, di origine sudafricana è una pianta sempreverde a portamento eretto e molto ramificata, che può raggiungere anche 1 metro di altezza.
Le foglie sono a forma di spatola, succulente, e di colore verde-argentato mentre i fiori, che compaiono a partire da aprile fino a settembre, sono a forma di stella di colore bianco-rosa. Le sue foglie sono posizionate lungo il fusto e sono molto lisce in quanto ricoperte di una sostanza cerosa, ma anche leggermente pelose il che le protegge nelle alte temperature. Le foglie sono di colore verde con i bordi che tendono al rosso.
È una pianta che richiede una buona illuminazione e sole diretto in tutte le stagioni dell’anno infatti la l’esposizione ottimale è a sud. La temperatura minima invernale non deve mai scendere sotto i 10° C. Il suo fusto e le sue foglie carnose le permettono di accumulare acqua e sopravvivere per lunghi periodi di siccità.
Per quanto riguarda le annaffiature, la pianta deve essere bagnata quando il terreno risulta asciutto evitando ristagni idrici che potrebbero causare marciume radicale: la tecnica ottimale è bagnare bene il terreno e farlo sgrondare del tutto.
La composta per succulente va benissimo, in caso di rinvaso facendo attenzione al drenaggio.

Crassula coccinea

Mi ha subito colpito la forma dei fiorellini e il colore, i boccioli sono molto particolari ed essendo una crassulaceae non ho resistito e poi non l’avevo mai vista prima, ne sui siti internet e neanche sulle riviste di giardinaggio. Vi mostro l’immagine che ha riscosso un grande successo sulla pagina facebook di BalconeFiorito e alcuni consigli. Saluti, Francesco Diliddo

cof

Crassula originaria del Sudafrica, è un piccola pianta alta fino a 40 cm, con pochi fusti che si estendono dalla base. Quando le piante invecchiano, il fondo degli steli diventa marrone e secco con le foglie brillanti e nuove alle estremità. Le foglie succulente sono piatte, ovali e disposte a sovrapporre l’altro lungo i gambi. I lunghi fiori tubolari sono brillanti, soprattutto al sole. È facile da coltivare ma è suscettibile agli insetti e alle malattie fungine. Come per tutte le succulente, l’eccesso di acqua è sicuramente fatale. Evitare i ristagni idrici nel sottovaso, infatti l’ho piantata in una vaschetta in terracotta.
La moltiplicazione è molto semplice in primavera per talea.

Sedum hispanicum

Un ricordo di infanzia, cresceva (anche tutt’ora) tra le tegole della casa al piano terra, accanto la casa dei miei nonni materni in Puglia: vedevo queste piccole piantine fiorite in primavera dalla terrazza del nonno. L’ho rivista lo scorso anno tra le tegole esterne oltre il mio balcone pisano, e poi sicuramente è volato qualche semino nel mio vaso con l’agave e l’ho lasciata lì! Cresciuta velocissima sono piantine facilissime e molto resistenti che vivono con pochissima terra arrampicate sulle rocce.
Anche chiamata “borracina glauca” appartiene alla grande famiglia delle crassulaceae, un gruppo di piante succulenti originarie dell’Europa meridionale, del Messico e anche dell’Africa centrale, che comprende un numero molto elevato di specie, circa 450.
Vi mostro la foto e buona giornata, Francesco Diliddo

Sedum hispanicum

Crassula perforata

Tra le tantissime crassulaceae sul balcone, non ricordo bene come mi sia arrivata questa talea! Effettivamente il balcone esposto a sud si presta benissimo per questo genere e giocando con la cromia di queste piante è possibile ottenere effetti speciali!
Vi mostro una foto presa in rete, la mia talea è ancora molto piccola e poi alcuni consigli. Buon pomeriggio, Francesco Diliddo

crassula perforata

Come tutte le crassule necessita di intensa luminosità e sole diretto: fiorisce dalla fine dell’autunno, fino a inizio primavera, introducendo una nota di colore con i suoi fiorellini stellati, duraturi, per lo più bianchi o rosa, che sbocciano alla sommità dei fusti.
Annaffiare soltanto quando la superficie del terriccio è perfettamente asciutta. Una buona regola è quella di bagnare per bene il terriccio, poi far scolare tutta l’acqua in eccesso e quindi aspettare che il terreno sia secco prima di procedere con la successiva irrigazione. Durante il periodo autunno-inverno (a partire da metà novembre e fino a metà marzo) le irrigazioni vanno sospese fino alla primavera. Dalla primavera e per tutta l’estate concimare ogni 20-25 giorni.
Il rinvaso è necessario periodicamente, in primavera, se le radici hanno occupato tutto lo spazio a loro disposizione. Prima di annaffiare attendere 5-6 giorni, per consentire alle ferite di cicatrizzarsi: utilizzare una composta specifica per succulente.

Crassula gollum

Crassula gollum

E’ una mutazione, ottenuta da un coltivatore, della crassula ovata e per poche caratteristiche si differenzia dalla cultivar “hobbit”. Cerco di spiegare la differenza: le foglie ‘Hobbit’ sono arricciate all’indietro, mentre ‘Gollum’ ha foglie che sono quasi tubolari e sembrano essere capovolte con una ventosa. Ecco la foto della hobbit presa in rete. crassula hobbitLa foto più grande si riferisce al mio esemplare cultivar “gollum” acquistata lo scorso anno, in composizione con le altre crassulacee. Per le cure ripubblico le informazioni della c. ovata. E’ una pianta da vaso estremamente diffusa e molto popolare, in quanto molto semplice da coltivare e nelle giuste condizioni dà, da adulta, una fioritura ricca e molto decorativa. I suoi steli, spessi e dalla consistenza carnosa, si ramificano creando una chioma tondeggiante.
Le foglie ovali, misurano circa 4 cm di lunghezza e appaiono anch’esse turgide, per la grande quantità di acqua che contengono. Il loro colore è verde medio, ma spesso il bordo ha sfumature rossastre. La loro apparizione avviene, negli esemplari di grandi dimensioni, durante la stagione invernale, visto che la pianta, provenendo dall’altro emisfero, ha il ciclo vitale invertito. Pur trattandosi di una succulenta ha una crescita mediamente veloce, la riproduzione è molto semplice per talea.

Crassula pellucida marginalis variegata

Cresciuta velocissima in otto mesi, è sul davanzale esterno della finestra che affaccia sul balcone. Una pianta semplice da coltivare e molto decorativa per i colori delle piccole foglie carnose, l’inverno la rende ancora più bella! Ecco la foto e alcuni consigli, come di consueto. Saluti, Francesco Diliddo

cof

La coltivazione delle crassula richiede un terreno molto poroso composto da terra concimata, terriccio di foglie e sabbia, l’esposizione per quasi tutte le specie è di mezzo sole pur richiedendo comunque una grande luminosità.
Le annaffiature in estate dovranno essere frequenti, mentre in inverno quasi del tutto sospese. La temperatura nel periodo invernale non dovrà essere inferiore ai 7-5 °C. La moltiplicazione può avvenire per talea in primavera.

Echeveria tynie burger

Le crassulaceae crescono molto bene sul mio balcone e per questo prediligo questo genere che offre infinite varietà con colorazioni diverse, molto decorative e resistenti. Tra gli ultimi arrivi l’echeveria “tynie burger” che rinvaserò in primavera, eccovi la foto e alcuni consigli generali sulle cure.
Saluti, Francesco Diliddo

cof

Le temperature estive ottimali di coltivazione oscillano tra i 15-21°C ma tollerano anche temperature superiori. Le temperature invernali è preferibile che non scendano sotto i 7°C. Se le temperature scendono intorno a questi valori, spostatela in un luogo più caldo e luminoso. Sono piante che amano l’aria per cui date loro aria fresca soprattutto d’estate sistemandole vicino ad una finestra aperta.
Durante il periodo autunno-invernale le irrigazioni vanno sensibilmente ridotte e se le temperature si abbassano, diminuirle sempre di più. La pianta di echeveria come tutte le piante, ha necessità di essere rinvasata periodicamente, in primavera, se le radici hanno occupato tutto lo spazio a loro disposizione. Per il rinvaso utilizzate una composta specifica per cactaceae alla quale unite sabbia grossolana o perlite nella misura di 2:1 (2 parti di composta per 1 parte di sabbia o perlite). Sistemare nel foro di drenaggio dei pezzi di coccio in modo che la terra o le radici non ostruiscano il foro di drenaggio in quando i ristagni idrici sono letali per questa pianta.