Posts Tagged ‘fiori’

Fioriture settembre 2016

Settembre è un mese particolare per le nostre piante, il caldo non è più intenso, le giornate si accorciano e le temperature notturne sono più basse. Una piccola primavera dopo il caldo estivo e molte piante riprendono a fiorire! Ecco le foto scattate in questi giorni… Saluti, Francesco Diliddo

cofdav

 

cof

Annunci

Rose, fiori per occasioni speciali

img_9395
img_9403Sin dalla mia infanzia la casa di campagna pugliese era piena di piante di rose, di colori diversi, infatti mio padre scambiava le talee con i suoi amici. Tantissime rose decoravano la nostra casa a maggio nonostante le drastiche potature invernali! Dalle rose gialle a quelle vellutate profumatissime fino alle rose doppie dai colori caldi.La rosa è il fiore da donare per eccellenza e ogni varietà porta con sè un messaggio diverso. Da secoli è il simbolo di amore, devozione, ammirazione, bellezza e perfezione. La rosa simboleggia anche il segreto da svelare con delicatezza. Il bocciolo ben chiuso della rosa incarna anche la castità femminile mentre la rosa sbocciata rappresenta bellezza giovanile. Nella mitologia romana la rosa degli amanti era il fiore sacro a Venere e da allora è rimasta fino ai giorni nostri come espressione di amore profondo.
Le rose rosse vengono sovente usate come decorazione nelle feste nuziali ma anche per la ricorrenza della Festa della mamma. Inoltre, a seconda della sfumatura del rosso dei petali, la rosa viene usata per esprimere diverse emozioni: di color porpora, ad esempio, è una promessa di amore eterno e solenne, quella rosso fuoco vuol significare passione. Il significato delle rose varia anche a seconda del numero che se ne regala dell’accopiamento di colori. Due rose insieme, indipendentemente dal loro colore, hanno il significato di congiungimento o di condivisione, ma di solito si regala un numero pari di rose ovvero le classiche dozzine, ad esempio 12, 18, 24, e così via. In generale tutti i tipi di rosa simboleggiano l’amore, ma la combinazione di diversi colori esprimono diversi significati.
Rose rosse e bianche insieme significano unità; rose rosse e gialle insieme significano solidarietà.
Per il compleanno di mia madre in Puglia ho pensato di mandare un bel mazzo di fiori e cercando in rete ho trovato questo sito: http://www.floraqueen.it
Ho scelto un mazzo di rose rosse e sono arrivate puntualissime e fresche! Hanno un sistema incredibile per garantire l’acqua ai fiori durante il trasporto e sono arrivati perfetti. Ecco le foto, buona giornata Francesco Diliddo

img_9399

https://www.facebook.com/balconefiorito/

 

Gloriosa forzatura bulbi

Questo inverno ho provato a “forzare” i tuberi di gloriosa piantandoli in casa a febbraio (di solito pianto i bulbi sul balcone a fine aprile) e sono subito nati crescendo moltissimo! Il primo fiore ad aprile ma poi, trasferita la pianta in esterno, ha sofferto molto con pochi fiori. Con grande sorpresa i tuberi hanno germogliato (secondo me anticipando di un anno) ed ecco la foto e chissà se vedremo i fiori prima dell’autunno. Saluti,

Francesco Diliddo

gloriosa forzata

Aeonium tabuliformis crestato

Alla ricerca di questa specie ho intravisto nel punto vendita un gioiello da collezione con una parte “normale” ed una crestata! Subito l’ho adottata e rinvasata appena rientrato a casa. Vi mostro le foto dello stesso esemplare da entrambi i lati e poi alcuni consigli dal mio articolo precedente. Saluti, Francesco Diliddo

Aeonium tabuliformis crestato

Aeonium tabuliformis
L’aeonium è una pianta abbastanza delicata ma semplice da coltivare che richiede esposizioni soleggiate sia se allevata all’aperto che in appartamento.
Nella stagione fredda si consiglia di far svernare la pianta a 10 °C perché se la temperatura invernale sale oltre questo valore, la pianta si allunga e diventa floscia. Temperature inferiori a 10 °C non sono tollerate pertanto nelle regioni dove gli inverni sono particolarmente rigidi, devono essere allevate in ambiente protetto.
Durante tutto il periodo primaverile-estivo annaffiare regolarmente ma aspettando che il terreno si asciughi quasi completamente prima di procedere con le successive annaffiature ed evitando sempre i ristagni idrici che non sono in alcun modo tollerati. Durante il periodo autunno-invernale si deve bagnare il tanto da non far seccare del tutto il terriccio.
Si rinvasa ogni anno in primavera usando un terreno per cactacee facilmente reperibile presso un buon centro vivaistico con l’aggiunta di un po’ di sabbia per renderlo più soffice.
A partire dalla primavera e per tutta l’estate somministrare all’aeonium con l’acqua d’annaffiatura una volta al mese un concime liquido a dosi dimezzate.

Epiphyllum ackermannii salvataggio

Una pianta davvero sfortunata! Lo scorso anno mi è stato regalato un esemplare stupendo (leggi articolo), che aveva circa 15 anni, ma poi dopo il rinvaso (credo) di aver esegerato con le annaffiature ed è marcito velocemente. Ho regalato molti rami in giro per l’Italia agli amici del gruppo facebook “Scambiamo talee” poi ho fatto due piante per  talea, una per me ed una per la mamma in Puglia. L’esemplare pugliese è cresciuto tantissimo (si è ripreso da un forte attacco di cocciniglia) ed ha anche fiorito a giugno. Il mio che sembrava star bene ha avuto un primo marciume in inverno (talea radicata) così l’ho sistemata e quando sembrava in forma si è riammalata! La settimana scorsa ho fatto il secondo salvataggio ed ho risistemato tutto! Incrocio le dita e buon fine settimana Francesco Diliddo

epi

epi2 epi3

epiphyllum ackermannii

Dipladenia fiore rosso

Questa pianta viveva già da qualche anno sul balcone della nuova casa così l’ho adottata e rinvasata scoprendo che ha moltissime radici tuberose che usa come riserva idrica nei periodi di siccità! Si arrampica da sola e ama tanto il sole con moltissimi fiori, nonostante la mia drastica potatura dopo il rinvaso in primavera. Durante le foto ho scoperto una colonia di afidi, scappo a fare il trattamento! Le foto e alcuni consigli sulle cure. Buon fine settimana, Francesco Diliddo

dipladenia flower

dipladenia

Originaria del Brasile, grazie a nuovi incroci, è mutata in pianta per esterni ed è molto indicata per il nostro clima.
Teme le temperature notturne troppo basse, quindi esponetela all’ aperto solo dopo il 10 aprile; un’annaffiatura regolare viene ricompensata con una crescita vigorosa ed una fioritura abbondante. Un buon drenaggio della terra è importante e per evitare acqua stagnante lasciate i contenitori senza sottovasi e all’ eventuale infestazione di afidi, acari o cocciniglie applicate dei prodotti specifici. Usare unicamente concimi liquidi e concimare le piante solamente due volte durante la bella stagione; lo svernamento si svolge in ambienti temperati (al di sopra di 10° C) e luminosi: in inverno annaffiare sporadicamente.

Passiflora caerulea 2016

La prima passiflora, regalatami nel 2012, dopo un anno l’ho portata in Puglia da mia madre ma purtroppo è gelata con l’incredibile ondata di freddo di capodanno 2015! In primavera ho preso un piccolo esemplare al discount di pochi centimetri che si è ambientato benissimo in vaso sull’assolato nuovo balcone, crescendo oltre tre metri con molti fiori. Vi mostro le foto e per i consigli vi rimando al mio articolo di qualche anno fa. Saluti, Francesco Diliddo

passiflora fiore

passiflora 3

passiflora 2