Posts Tagged ‘spagna’

Ibiza e Formentera luglio 2017

Sono stato cinque giorni nelle due isole delle Baleari in Spagna e mi sono letteralmente innamorato di Formentera! Ibiza è perfetta per la vita notturna, (ma offre tantissimo per tutte le tipologie di viaggiatori) col centro storico di Eivissa, molto curato e angoli verdi particolari agli occhi degli appassionati di giardinaggio. Ho potuto trovare una specie di agave mai vista da nessuna altra parte (non sono riuscito a fotografarla), poi ci sono nei giardini euphorbie (tra cui uno spettacolare esemplare di e. tirucalli), boungaville, crassulacee, hilocereus, aloe, mesembriantemo, kalanchoe e tante altre. Le palme sono quelle africane (phoenix dactylifera) resistenti al punteruolo rosso. Vi mostro alcune foto e buon fine settimana, Francesco Diliddo

dav

cofdavdavsdr

Annunci

Aeonium arboreum Zwartkop

La piccola talea è in ottima forma, praticamente cresce da sola ed è perfetta per chi ha poca esperienza col giardinaggio. Vi mostro la foto e alcuni consigli sulle cure. Buona domenica, Francesco Diliddo

aeonium

Il genere aeonium comprende piante succulenti perenni sempreverdi originarie delle isole Canarie e di diverse zone dell’Africa. Si tratta di una bella pianta grassa caratterizzata da fusti nudi che portano alla sommità delle rosette di foglie che conferiscono alla pianta un effetto visivo molto gradevole. Dal centro della rosetta di foglie si sviluppano i fiori di colore variabile dal bianco, al verde, al giallo al rosso a seconda della specie.
Dopo la fioritura la rosetta di foglie muore anche se nel frattempo si saranno formate numerose altre rosette laterali. L’aeonium è una pianta abbastanza delicata ma semplice da coltivare che richiede esposizioni soleggiate sia se allevata all’aperto che in appartamento.
Nella stagione fredda si consiglia di far svernare la pianta a 10 °C perché se la temperatura invernale sale oltre questo valore, la pianta si allunga e diventa floscia. Temperature inferiori a 10 °C non sono tollerate pertanto nelle regioni dove gli inverni sono particolarmente rigidi, devono essere allevate in ambiente protetto.
Durante tutto il periodo primaverile-estivo annaffiare regolarmente ma aspettando che il terreno si asciughi quasi completamente prima di procedere con le successive annaffiature ed evitando sempre i ristagni idrici che non sono in alcun modo tollerati. Durante il periodo autunno-invernale si deve bagnare il tanto da non far seccare del tutto il terriccio.
Si rinvasa ogni anno in primavera usando un terreno per cactacee facilmente reperibile presso un buon centro vivaistico con l’aggiunta di un po’ di sabbia per renderlo più soffice.
A partire dalla primavera e per tutta l’estate somministrare all’aeonium con l’acqua d’annaffiatura una volta al mese un concime liquido a dosi dimezzate.

Come abbellire un tronco di palma

Il punteruolo rosso (Rhynchophorus ferrugineus) ha purtroppo eliminato e distrutto molti alberi e paesaggi urbani delle nostre città, da nord a sud, la stragrande maggioranza delle nostre palme sono state attaccate e sono morte. Quando ero adolescente seminai, nel giardino della casa in campagna, in Puglia due palme e una delle due, dopo circa 20 anni è stata attaccata ed è morta in pochi mesi! Abbiamo fatto tutta la procedura tecnico-sanitaria, asportando la parte attaccata da decine  di punteruoli e smaltita. Mio padre regolarmente tratta le palme rimaste nella speranza di proteggerle da questo mostriciattolo!
Non mi spiego come la Spagna sia riuscita a salvare le palme nelle sue città principali e in Italia non si è agito per tempo. Dopo un anno dall’intervento è rimasto nel terreno il tronco di palma (eliminarlo sarebbe molto complicato vista la posizione e altri alberi nelle vicinanze), perfettamente sano senza nessuna traccia di punteruoli (abbiamo trattato per precauzione anche il fusto).
Ho pensato di decorarlo, creando delle fessure nelle coste naturali del tronco e piantando delle talee di sedum, (già le erbacce ci nascono naturalmente) e tra qualche mese vedremo i risultati. Saluti, Francesco Diliddo

IMG_6668

IMG_6667IMG_6666IMG_6665

Valencia ottobre 2007

La Spagna è la mia meta preferita, ho visitato molte città e almeno una volta l’anno ci vado, li mi sento a casa, come se fossi in Puglia, è una sensazione difficile da spiegare e sono innamorato dell’Andalusia. Il clima di Valencia è molto simile alle città siciliane e rimasi piacevolmente colpito dai giardini. Ecco alcune foto del mio viaggio. Saluti, Francesco Diliddo

P 148P 017P 143P 006

Sitges fotografie 2007

Un velocissimo viaggio di lavoro nella piccola città spagnola vicino Barcellona. La Spagna l’ho girata tantissimo (come vedrete dai prossimi articoli) perché lì mi sento a casa! Un particolarissimo balcone (senza piante) e fiori di ibisco, all’epoca avevo una Canon EOS300 D e riuscii a ritagliarmi un pò di tempo per scattare qualche foto.

Buon fine settimana, Francesco Diliddo

IMG_0464

IMG_0483

IMG_0482

Balconi e finestre a Granada!

Sono ritornato in Andalusia per un progetto di formazione e ho scattato delle foto ai balconi e finestre della città!

Ho preso dei vasi anche per il mio balcone! Buon fine settimana Francesco Diliddo.

DSC_0379

DSC_0349

DSC_0348