Posts Tagged ‘viaggio’

Hoya dennisii

Hoya da collezione, originaria dalle Isole Salomone (Stato dell’Oceania, nella Melanesia), scoperta nel 1993.
Il suo paese di origine mi fa già sognare un viaggio e non poteva mancare tra le mie piante! L’ho presa a Lucca a Murabilia ed è cresciuta tanto in un mese e mezzo. Vi mostro la mia foto della pianta, mentre l’immagine della fioritura l’ho presa dalla rete. Buon pomeriggio, Francesco Diliddo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

IMG_20171009_162430.jpg

La pianta presenta foglie piuttosto sottili e delicate, ed è consigliabile farla crescere su un supporto. Le foglie sono di colore verde scuro, appuntite con una bella venatura. I fiori (durano fino ad una settimana) sono rosa con la corona più scura: ogni fiore quasi piatto è di circa 2 cm e ogni mazzetto può avere 5-15 fiori. Esistono centinaia di specie di hoya con fiori diversi, da quelli minuscoli fino a quelli che hanno qualche cm di diametro; alcune infiorescenze sono completamente sferiche, alcune speci producono fiori singoli. Ciò che accomuna tutti i fiori delle hoya è l’intenso profumo che emanano.
Le infiorescenze vengono prodotte su piccoli peduncoli, che si sviluppano all’ascella fogliare; il peduncolo, una volta appassita la prima infiorescenza, si sviluppa ulteriormente per produrre una nuova infiorescenza, come avviene ad esempio per le phalaenopsis; per questo motivo è importante evitare di asportare i peduncoli quando si rimuovono i fiori appassiti.
Il rinvaso è consigliato ogni 2-3 anni, ma evitando di sostituire il contenitore con uno eccessivamente grande. E’ possibile coltivarla in giardino, ma solo in zone con inverni particolarmente miti, e comunque in luogo riparato, poichè temperature inferiori agli 8-10° C possono danneggiare la pianta.
Il terriccio deve essere ricco e sciolto, mescolato a poca pietra pomice per migliorare il drenaggio. Richiede un luogo molto ben luminoso, lontano dai raggi solari diretti, ma dove la pianta possa godere di una buona quantità di luce solare filtrata, per almeno alcune ore ogni giorno. In casa è bene porle nei pressi di una finestra a Sud o Ovest. All’aperto gradiranno, specie nelle ore centrali della giornata, un’ombra leggera creata da alberi
a foglia caduca o pergolati. Da marzo a settembre annaffiamo con regolarità, controllando con le dita che il terreno si sia asciugato prima di annaffiare ulteriormente; concimare ogni 12-15 giorni. Nei mesi freddi diradiamo le annaffiature, visto che la pianta, in riposo vegetativo, sopporta senza problemi la siccità.

Annunci

Parigi febbraio 2016

Sono rientrato da Parigi, ritornato per la seconda volta a febbraio con un clima poco primaverile! Comunque sono riuscito a trovare qualche scatto con balconi e finestre in fiore. Ecco le foto e buona serata. Francesco Diliddo

Parigifinestra

sacre coeurbalcone-parigi

Messico fotografie 2008

Indimenticabile viaggio di due settimane a Playa del Carmen in Messico, nel settembre 2008. Ero circondato da una natura incredibile con una particolare varietà di piante e fiori. Vi mostro alcune foto a tema piante e natura.

Buona visione, Francesco Diliddo

IMG_0131

IMG_0013

IMG_0243

IMG_0250

IMG_0290

IMG_0414

Sitges fotografie 2007

Un velocissimo viaggio di lavoro nella piccola città spagnola vicino Barcellona. La Spagna l’ho girata tantissimo (come vedrete dai prossimi articoli) perché lì mi sento a casa! Un particolarissimo balcone (senza piante) e fiori di ibisco, all’epoca avevo una Canon EOS300 D e riuscii a ritagliarmi un pò di tempo per scattare qualche foto.

Buon fine settimana, Francesco Diliddo

IMG_0464

IMG_0483

IMG_0482

Budapest ottobre 2015

Sono appena rientrato da questa incredibile capitale europea che mi ha stupito per molti aspetti! I bellissimi palazzi art noveau (che adoro), i giardini e le aiuole pubbliche curatissime e fiorite! I parchi alberati, il giardino giapponese sull’Isola Margherita (nel mezzo al Danubio), il giardino delle rose. Nonostante un clima tremendo in inverno, c’è molto verde ovunque. Ecco alcune mie foto scattate in questi giorni. Buona visione, Francesco Diliddo

Budapest, Ottobre 2015

DSC_0866DSC_0932Budapest, Ottobre 2015DSC_0942

Cotinus coggygria

Eccomi tornato da un meraviglioso viaggio in Iran e ho fotografato molti giardini nell’indimenticabile capitale dell’antica Persia Isfahan, una città giardino fiorita! Ecco la foto di questo arbusto (mai visto prima) molto decorativo.
Nel frattempo molti cactus hanno fiorito e presto pubblicherò una piccola galleria. Saluti, Francesco Diliddo
Cotinus coggygria
L’Albero della nebbia o Cotino è un arbusto o piccolo albero, a foglie caduche, originario dell’Europa; gli esemplari adulti possono ragiungere i tre metri di altezza.
Necessita di posizioni in pieno sole, in zone ben ventilate; non teme il freddo, e sopporta senza problemi i periodi torridi di luglio e agosto.
Da marzo a ottobre annaffiare regolarmente, almeno ogni settimana, lasciando asciugare bene il terreno tra un’annaffiatura e l’altra; il cotino sopporta senza problemi brevi periodi di siccità. In inverno sospendere le annaffiature.