Posts Tagged ‘notocactus’

Notocactus leninghausii fiorito

Tre anni fa ha viaggiato dalla Puglia e si è ambientato benissimo, subendo anche un trasloco! La talea deriva da un’esemplare incredibile di mia zia che ha almeno 10 anni. Vi mostro la foto della fioritura e buon fine settimana. Francesco Diliddo

dav

Parodia mammulosa

L’ho acquistato a FloraFierenze2015 e mi ha colpito per la bellezza del fiore. Originario di Argentina e Brasile è anche chiamato notocactus mammulosus. Si tratta di una cactacea facile da coltivare che richiede una composta molto ben drenata. Richiede annaffiature costanti durante la bella stagione e lasciare il terriccio asciutto in inverno infatti marcisce facilmente se il terreno è umido e freddo. E’ consigliato svernare questa pianta in una serra luminosa e calda con almeno 8-10° C, ma riesce a tollerare temperature fino a -5° C per brevi periodi. Esposizione al sole diretto e predilige il caldo sole estivo.

Francesco Diliddo

Notocactus submammulosus

Notocactus leninghausii

IMG_20140714_125207
Questa succulenta dal nome impossibile me l’ha regalata mia madre, e ha fatto un lungo viaggio dalla Puglia a Pisa!
Si è ambientata molto bene ed è cresciuta velocemente in pochi mesi, l’esemplare è molto piccolo.
Di seguito alcuni consigli per le cure.

Francesco Diliddo

Cactus originario del sud America densamente coperto di spine dorate. Col passare del tempo queste spine diventano scure,
i fusti adulti ramificano ed assumono aspetto arboreo.

Da coltivare in un luogo molto luminoso, in cui riceva i raggi diretti del sole per alcune ore nella giornata.

I lunghi fiori, di forma tubolare o imbutiformi, sbocciano d’estate e presentano un delicato colore bianco o rosa pallido. Seguono, raramente in coltivazione,
i frutti di colore verde, coperti di scaglie e di peli.

Somministrare, durante la stagione di crescita, un fertilizzante liquido bilanciato, misto all’acqua irrigua.

Annaffiare sporadicamente, ogni 20-30 gg, lasciando asciugare bene il terreno prima del successivo intervento.
Interrompere le irrigazioni durante l’inverno.

Resiste a basse temperature invernali di 7 °C, purché tenuta completamente asciutta.
Utilizzare substrato apposito per Cactaceae e curare bene il drenaggio.