Ultimo Articolo inserito
Subscribe Newsletter
Medinilla magnifica.
Medinilla magnifica.

Una pianta da appartamento che desideravo da tempo e che mi è stata regalata per San Valentino. È la prima volta che coltivo la Medinilla magnifica e ho studiato come curarla al meglio e condivido le informazioni trovate. Vi mostro le foto della fioritura in corso e con la sua bellezza splende nel luminoso salotto di casa. Di seguito trovate le curiosità e i consigli per le cure e vi auguro una buona giornata. Francesco Diliddo

Curiosità e consigli per la cura della Medinilla magnifica

Pianta originaria delle Filippine, chiamata anche “orchidea filippina” o “uva rosa” in quanto durante la fioritura si crea un grappolo di fiori rosa. È una pianta epifita (che vive su altre piante, di solito usate come sostegno) che nel suo ambiente naturale cresce fino a tre metri di altezza, con foglie opposte, sode, coriacee, lunghe fino a 20-30 centimetri di forma ovale. I fiori crescono in pannocchie lunghe fino a 30 centimetri, con brattee rosa. I frutti sono bacche viola, carnose, larghe circa un centimetro e nelle Filippine la M. magnifica cresce nelle forcelle di grandi alberi.
Ai tropici viene coltivata come una pianta perenne e col nostro clima è una pianta da appartamento in quanto non tollera temperature inferiori ai 15° C e la temperatura ideale è attorno ai 25° C. Essendo una pianta tropicale necessita di molte ore di luce e di temperature miti, che non subiscano sbalzi termici, con una posizione luminosa, ma evitando l’esposizione diretta ai raggi del sole. È consigliato collocarla in luoghi senza correnti d’aria (vicino ad una porta o a una finestra) e lontana dai radiatori del riscaldamento in inverno. Non necessita di grandi quantità d’acqua e bisogna annaffiarla non appena comincia ad asciugarsi il terriccio, utilizzando acqua senza calcare a temperatura ambiente.
Nella stagione calda si consiglia di nebulizzare l’acqua sulle foglie, senza bagnare però i fiori, che si rovinerebbero e anche in inverno è bene controllare che la pianta abbia un terreno leggermente umido.
Per aumentare l’umidità si consiglia l’uso di sottovasi molto grandi riempiti di argilla espansa, la pianta non deve essere a contatto con l’acqua. Nel periodo dello sviluppo, la medinilla ha bisogno di concime. Ogni due settimane utilizzate quello per piante tropicali ricco di fosforo o un concime per orchidee. Durante l’inverno sospendere le concimazioni e ridurre la quantità di acqua.
Essendo una pianta di origine tropicale, nei paesi originari cresce nelle foreste, in un ambiente umido, su terreni acidi ed estremamente drenanti, perciò esige un terriccio ricco di humus e torba.
La medinilla magnifica va rinvasata annualmente nei primi anni di vita, poi sempre meno col passare degli anni. Quando la pianta è matura va rinvasata una volta ogni 3/4 anni. Se la pianta presenta all’estremità delle foglie del seccume è dovuto ad un livello d’umidità inferiore al fabbisogno della pianta stessa. Quando la pianta non produce fiori, è opportuno far riposare la pianta nei periodi freddi, diminuendo le temperature a 16° C.

Medinilla magnifica chiamata anche "uva rosa", in quanto il fiore assume la forma di un grappolo d'uva alla massima apertura.
Medinilla magnifica chiamata anche “uva rosa”, in quanto il fiore assume la forma di un grappolo d’uva alla massima apertura.
Medinilla, particolare del bocciolo.
Medinilla, particolare del bocciolo.
Medinilla.
Medinilla.

8 risposte

  1. Finalmente è mia e grazie ai tuoi consigli è arrivata alla seconda settimana di vita in casa mia🤪💪🏻 spero di farla vivere a lungo☺️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue