Sulcorebutia caniguerai.

Anche lei è fiorita durante la mia vacanza in Iran. Tra le mie sulco è quella che sta meglio in salute.
Sono davvero molto sensibili agli sbalzi termici e prediligono annaffiature regolari nel periodo vegetativo (di solito una volta a settimana e concimo una volta al mese). Ecco la fotografia. Saluti, Francesco Diliddo

Curiosità e consigli per la coltivazione della Sulcorebutia caniguerai.

Originaria della Bolivia richiede una esposizione con sole al mattino. Predilige un terreno molto permeabile, un miscuglio minerale grossolano che deve essere rigorosamente mantenuto asciutto per tutto il periodo di riposo invernale in quanto è molto sensibile a eventuali eccessi di umidità: per evitare marciumi è anche consigliabile circondare il collo della radice da sabbia molto ruvido o ghiaia. La Sulcorebutia caniguerai ha bisogno di restare in un luogo fresco durante il riposo invernale (0-10° C) infatti visto il clima pisano mite le lascio sul balcone nella serra fredda. Questo è importante per i fiori, nonché per la loro salute. Senza questo periodo invernale freddo, difficilmente fiorirebbe.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue