Ultimo Articolo inserito
Subscribe Newsletter
Echinopsis herbasii.

Il piccolo esemplare di echinopsis herbasii mi è stato regalato in composizione con altre piante (molto differenti tra loro) in un recipiente di vetro senza drenaggio. Subito le ho separate, facendo il bagno alle radici e dopo averla fatta asciugare per una settimana, l’ho piantata in un vaso di terracotta utilizzando la composta per cactacee. In pochi giorni è rinata ed ora è in ottima forma, come si può vedere dalla foto scattata questa mattina: di seguito alcuni consigli pratici per le cure. Buona giornata, Francesco Diliddo

Consigli per le cure dell’echinopsis herbasii

Pianta da collezione originaria della Bolivia che cresce in alta quota (può arrivare fino ai 2500 metri). Richiede l’esposizione al sole diretto (vanno esposte preferibilmente a sud): la temperatura estiva non dovrebbe superare i 30 °C mentre quella minima sopporta pochi gradi per brevi periodi (col terriccio completamente asciutto). Gli echinopsis herbasii in estate si annaffiano con moderazione, evitando sempre l’acqua stagnante nel sottovaso, mentre durante l’inverno devono riposare senza acqua. Il cambio del vaso andrebbe fatto in aprile, quando le radici hanno occupato tutto lo spazio a loro disposizione, si rinvasano usando una composta specifica per cactacee alla quale si aggiunge della sabbia grossolana o della perlite (rapporto 2:1). Concimare da aprile a settembre sciogliere nell’acqua d’annaffiatura un concime liquido per cactacee una volta al mese. Quando si formano i boccioli fiorali, è preferibile somministrare un concime con un titolo più alto in potassio per agevolare la fioritura. Quasi tutte le specie sono a fioritura notturna estiva e ciascun fiore dura al massimo un paio di giorni (ma vengono rinnovati continuamente per tutta l’estate ) e compaiono non prima che la pianta abbia raggiunto il terzo anno d’età.
Se la pianta non cresce: il vaso potrebbe essere diventato troppo piccolo e se i tessuti verdi diventano marroni e duri vuol dire che la luce solare è stata eccessiva e i tessuti della pianta si sono ustionati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue