Ultimo Articolo inserito
Subscribe Newsletter
Il Phormium tenax ‘Purpureum’ nell’angolo tra i due balconi.

Da un paio di anni il Phormium tenax mi incuriosiva dopo averlo visto sulle riviste di giardinaggio e in alcuni giardini più moderni (alla moda). In generale, negli ultimi mesi, sto scegliendo piante a bassa manutenzione e graminacee con dei particolari effetti decorativi col pensiero rivolto al risparmio idrico, visto le ultime estati particolarmente afose e calde anche nel centro Italia. Credo molto alla sostenibilità, anche nel giardinaggio e dobbiamo fare delle scelte oculate in questo senso, quando progettiamo il nostro spazio verde. Prediligo decorare il balcone non solo con i fiori ma anche con la colorazione delle foglie e per questo ho scelto il Phormium tenax ‘Purpureum’. Di seguito alcuni consigli per le cure di una pianta super rustica, adatta a tutti i giardini ed anche per essere coltivata sul balcone e ho scelto un vaso semicircolare a parete profondo 60 centimetri. Buona giornata, Francesco Diliddo.

Curiosità e consigli per le cure del Phormium tenax

Il Phormium tenax è anche chiamato lino della Nuova Zelanda in quanto è usato per produrre cestini, stuoie e cappelli: è un arbusto sempreverde dalle foglie coriacee e resistenti.
La pianta col tempo crea ampi cespi di lunghe foglie nastriformi, lunghe anche 120-150 centimetri, che con il tempo superano i due metri di altezza. Le foglie sono di colore verde brillante, ma esistono ibridi a foglia variegata, tricolore o porpora; in estate producono infiorescenze a pannocchia formate da fiori tubolari bianchi o rosati.
Un tempo era impiegato solamente nelle aiuole delle città di mare per la sua resistenza e rusticità in quanto è anche decorativo in ogni periodo dell’anno: la manutenzione è limitatissima e nelle giuste condizioni resistente ad ogni tipo di avversità. Le piante crescono bene sia in pieno sole che a mezz’ombra ma è importantissimo garantirle un ottimo drenaggio in giardino e nei vasi in quanto potrebbe marcire. Il Phormium tenax possiede una buona resistenza al freddo sopportando anche temperature intorno ai -5° C.
Per la manutenzione è necessario rimuovere le foglie vecchie ad inizio primavera (o eventualmente tagliarle tutte a livello del suolo, in maniera che si rinnovino completamente).
Dalla primavera all’autunno, per stimolare la crescita, è consigliata la distribuzione di un fertilizzante a lenta cessione come lo stallatico o i lupini macinati. Ogni due-tre anni è importante procedere, alla fine dell’inverno, alla divisione dei cespi sia che la pianta viva in piena terra che viva in vaso.

Phormium tenax ‘Purpureum’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue