Ultimo Articolo inserito
Subscribe Newsletter

Pachypodium lamerei

Direttamente dal “Cactus day” finalmente il mio esemplare appena rinvasato e che gioia! Di seguito vi scrivo i miei consigli per le cure e vi auguro buona giornata, Francesco Diliddo.

Il pachypodium lamerei, chiamata anche palma del Madagascar è originaria della grande isola africana e presenta un fusto provvisto di lunghi aculei (che in realtà sono stipole trasformate) disposti a gruppi di tre alla base dei quali sorgono le foglie simili a quelle dell’oleandro, dalla lamina verde, lucida, con la vena centrale pallida. La pianta tende a spogliarsi alla base rimanendo con il fusto ricoperto di spine e un ciuffo apicale di foglie, che le ha valso il nome di palma del Madagascar. I fiori, imbutiformi e a cinque lobi, compaiono in cime apicali.

La temperatura minima invernale non dovrebbe scendere al di sotto di 10-13° C. Richiede molto buona e tollera anche il sole diretto. Le annaffiature dovranno essere regolari in estate e molto ridotte in inverno.
Richiede un terreno molto poroso e umifero, composto di terra concimata molto matura, con circa un quarto di sabbia grossolana. È una pianta abbastanza resistente. L’attacco di funghi può essere favorito da eccesso di umidità; sono possibili sono attacchi di cocciniglie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue