Appena ho vista l’Euphorbia stellata willd mi ha conquistato e così l’ho battezzata “Africa”, qualcuno ipotizza che abbia almeno 10 anni di età ma è davvero difficile trovare informazioni in rete su questo esemplare. Ecco la sua foto e alcuni consigli tradotti da un sito estero. Buona giornata, Francesco Diliddo

euphorbia stellata

Curiosità e consigli per le cure dell’Euphorbia stellata.

Originaria del Sudafrica è coltivata come pianta ornamentale, è particolarmente amata dagli appassionati di piante succulente e caratterizzata da una crescita molto lenta. Il vaso che la ospita deve avere molti fori di scarico, ha bisogno di un composto formato principalmente di materiale inerte per evitare i ristagni d’acqua. Per la concimazione utilizzare un fertilizzante specifico per cactus e succulente con alto contenuto di potassio compresi tutti i micro-nutrienti e oligoelementi. L’Euphorbia stellata ha un eccellente tolleranza al calore e se si sposta dall’ombra, prevedere una graduale esposizione ai raggi diretti, per non rischiare di bruciare le foglie. Il colore di questa pianta è molto più accentuato se coltivate in pieno sole. Richiede annaffiature regolari durante la stagione di crescita: l’acqua non deve mai ristagnare intorno alle radici. Mantenere quasi completamente asciutto in inverno il terriccio. Tuttavia questa euforbia tollera la siccità e può persino prosperare in terreni poveri, secchi, ma cresce meglio se coltivate in terreni ricchi di nutrienti con annaffiature regolari.
Questa euforbia ha tollerato temperature fino a -6º C, può essere coltivata all’aperto in climi miti ma al riparo dal gelo in inverno. Il lattice è velenoso e può causare eruzioni cutanee, prurito e malessere generale, e deve essere maneggiato con cautela, in particolare durante la potatura. Può essere riprodotta da seme o per talea. Alcune piante formano una chioma perfettamente simmetrica, se riprodotte da seme, il caudex si sviluppa in maniera irregolare quando la pianta è ottenuta per talea. Se si rimuove una talea bisogna lasciarla ad asciugare per qualche giorno, infatti le talee piantate troppo presto marciscono facilmente prima che possano svilupparsi le radici.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue