Gymnocalycium saglionis, marzo 2015.

Stavo cercando questa varietà di gymnocalycium e subito l’ho acquistato quando l’ho trovato in un negozio di piante ben fornito e non appena si asciuga il terriccio lo rinvaso. Di seguito vi scrivo alcune curiosità sul Gymnocalycium saglionis e buona giornata, Francesco Diliddo.

Curiosità e consigli per la coltivazione del Gymnocalycium saglionis.

Le spine di questo gymnocalycium hanno una curiosa caratteristica che lo rende famoso e ricercato dai collezionisti più che per le sue abbondanti fioriture come avviene per gli altri cactus. Oltre ad essere attraente per la forma e robustezza, le sue spine hanno la caratteristica di assumere un colore rosso fuoco, molto brillante, quando bagnate, per poi tornare bianco-grigie in pochi minuti quando il clima permette una veloce asciugatura.
Il Gymnocalycium saglionis è una succulenta di forma globosa o leggermente cilindrica, è uno dei cactus più grandi di questo gruppo. Ha fusto solitario verde-argenteo o verde-oliva che crea un piacevole contrasto con le spine nere, bianche o marrone-rossicce ricurve e fiori grandi. Originaria dell’America del sud (Salta, Tucuman, Catamarca, San Juan e La Rioja), d’estate presenta dei bei fiori rosa a cui seguono i frutti globulari di colore rosso tenue.
Questa specie è amante del pieno sole e la temperatura minima, non deve mai scendere al di sotto di 8 °C, per evitare che il fusto presenti delle cicatrici. Annaffiare abbondantemente durante la stagione vegetativa e d’estate lasciare a secco soltanto per pochi giorni; predilige frequenti concimazioni.

 

Gymnocalycium saglionis fiori del 2018.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue