Mi hanno spedito due talee di Euphorbia debilispina gli amici del gruppo facebook “Scambiamo talee”. Di seguito vi scrivo alcuni consigli per le cure. Buona domenica, Francesco Diliddo
euphorbia debilispinaCuriosità e consigli per la cura dell’Euphorbia debilispina.

Originaria della Tanzania è una pianta ornamentale con brevi spine, facilissima da coltivare, infatti ha una crescita stagionale relativamente veloce. Predilige vasi con generosi fori di drenaggio, un terriccio ricco di materiale inerte e andrebbe rinvasata ogni due anni. In estate richiede un fertilizzante specifico per cactacee ogni due settimane.
Questa pianta ha un eccellente tolleranza al calore, e ha bisogno di un’esposizione in pieno sole, ma può tollerare l’ombra; il colore di questa pianta è molto più accentuato se coltivate in pieno sole.
Annaffiature regolari durante la stagione di crescita e l’acqua non deve mai essere lasciata riposare intorno alle radici; mantenere completamente asciutto in inverno.
Anche se è estremamente resistente alla siccità, durante la stagione di crescita attiva è meglio per mantenere il suo terreno abbastanza umido, annaffiare circa una volta alla settimana. Può essere coltivata all’aperto nei mesi estivi per beneficiare dell’esposizione diretta del sole. Il lattice è velenoso e può causare eruzioni cutanee, prurito e malessere generale, e deve essere maneggiato con cautela, in particolare durante la potatura. La pianta può essere riprodotta da seme o talea.

Euphorbia debilispina nel 2016.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue