Genista lydia – Ginestra ricadente

Il mio caro amico spagnolo è venuto a trovarmi a Pisa, e prima di partire, mi ha regalato un bellissimo e profumatissimo esemplare di ginestra ricadente. Alfredo tre anni fa mi ha regalato un crisantemo coreano che fiorisce ogni anno. Ecco la foto e di seguito alcuni consigli pratici per la cura prese dalla rete.

IMG_0307

Originaria dell’Europa sud-orientale e della Siria, questa specie nana si presta più delle altre alla coltivazione in vaso, sia per le ridotte  dimensioni (crescere fino a 60-80 cm. in altezza) che per il portamento leggermente ricadente che presentano i numerosi rami spinosi, di colore grigio-verde, che portano foglie piccole, lineari e rade dello stesso colore. I fiori, giallo acceso, compaiono in maggio-giugno, a seconda del clima, riuniti in racemi.

Preferisce climi caldi e asciutti, ma può resistere anche a –8°C, se in piena terra e per la posizione ama il sole.
Le annaffiature dovrebbero essere moderate, ma per le piante coltivate in vaso sarebbe bene non lasciare mai asciugare il terreno, per evitare pericolosi colpi di secco.
Substrato: una miscela di due parti di terra universale e una di pietra pomice o lapillo vulcanico; si può utilizzare anche terriccio sabbioso e poroso, come quello adatto alle piante grasse e necessita di vasi o cassette sufficientemente larghi e profondi.
Concimare durante la fioritura con prodotti per piante da fiore.

Si moltiplica in giugno, mettendo a radicare in una miscela di torba e sabbia talee della lunghezza di 5-10 cm., facendo attenzione a lasciare una  porzione del ramo portante.
Per coltivare la ginestra in vaso è consigliabile sottoporla, ogni anno, dopo la fioritura, a una potatura di mantenimento, allo scopo di favorirne la fioritura e conservarne l’aspetto ordinato e fresco. Le piante infatti con il tempo tenderebbero ad assumere un aspetto legnoso e disordinato e a fiorire con minor profusione. Si dovranno quindi tagliare tutti i rami in modo drastico, anche fino a un quarto della loro lunghezza, in modo da stimolare le piante a produrre getti nuovi e a fiorire copiosamente l’anno successivo.

Francesco Diliddo

Annunci

2 responses to this post.

  1. Molto bella! Anche io amo le ginestre e ne ho comprate due per il mio balcone, ma sono di quelle comuni che si trovano lungo le strade e quando non sono fiorite non sono un grande spettacolo… queste mi sembrano più adatte alla coltivazione in balcone, le cercherò. Grazie

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: